News

Covid-19, come funziona l’auto-sorveglianza in caso di contatto con una persona positiva?


banner ad spacer

Tra le nuove nuove regole da seguire per chi è entrato in contatto con una persona positiva a Covid-19 si trova anche la cosiddetta auto-sorveglianza. Infatti, con il decreto legge del 30 dicembre 2021, il governo ha sospeso l’obbligo di quarantena per tutte le persone vaccinate o guarite da Covid-19 da meno di quattro mesi e per chi ha ricevuto la terza dose o booster. Per loro è prevista invece un’auto-diagnosi del proprio stato di salute e l’obbligo di indossare le mascherine Ffp2 per i dieci giorni successivi al contatto diretto con una persona positiva. Vediamo quindi nella pratica di cosa si tratta e come funziona nel dettaglio l’auto-sorveglianza.

Che cos’è l’auto-sorveglianza?

L’auto-sorveglianza concede alle persone che siano entrate in contatto stretto con un soggetto positivo al Covid-19, anche conviventi, di non sottostare all’isolamento preventivo, cioè di entrare in quarantena e restare a casa. L’auto-sorveglianza vale soltanto per chi ha completato il ciclo vaccinale primario o è guarito da Covid-19 da meno di quattro mesi e per chi ha ricevuto la terza dose o booster.

Come funziona?

In base alla circolare del ministero della Salute, che prescrive le norme comportamentali da seguire, chi rientra nelle categorie elencate sopra e sia entrato in contatto stretto con una persona positiva dovrà potrà tranquillamente continuare a uscire di casa e svolgere le normali attività. Nel caso insorgano i sintomi della malattia, dovrà sottoporsi immediatamente a un test anti-Covid-19 e a un secondo dopo cinque giorni dal contatto, se ancora permangono i sintomi.

Dal momento del contatto e per i successivi dieci giorni, la persona vaccinata o guarita da meno di quattro mesi o che abbia ricevuto la dose booster dovrà indossare le mascherine Ffp2.

Cosa si intende per contatto stretto?

Si considerano come contatto stretto le persone conviventi con altre positive al Covid-19, i contatti fisici diretti (come una stretta di mano), non fisici (come aver parlato a una distanza inferiore a 2 metri senza mascherina per almeno 15 minuti) o con i fluidi della persona positiva (come bere dalla stessa bottiglia) e quando ci si trova nello stesso ambiente al chiuso senza dispositivi di sicurezza con persone positive.

Inoltre, si ha avuto un contatto stretto quando ci si trova su qualunque mezzo di trasporto a due posti di distanza con persone poi risultate positive o nel caso sia positivo il personale del mezzo e quando un operatore sanitario che fornisce assistenza diretta a un caso di Covid-19 non ha usato i dispositivi di protezione o ha usato dispositivi non idonei.

Cosa deve fare chi invece ha completato il ciclo vaccinale primario da più di quattro mesi?

Per questa categoria di persone la quarantena resta invece in vigore, ma se si è asintomatici terminerà dopo solamente cinque giorni se si riceve un risultato negativo a un tampone anti Covid-19.

Fonte: www.wired.it

banner immuni
Messenger Health Alert
Messenger Health Alert